University Press Italiane per un’editoria accademica di qualità

Dai sacrifici dell'Antico Testamento al sacrificio di Cristo

Deiana Giovanni

Editore: Urbaniana University Press Collana: Spiritualità
pp. 120 ISBN: 978-88-401-2068-3
ed. 2002
Formati: 13x20
Prezzo: € 12,00
Vai al sito dell'editore

Il sacrificio nel linguaggio corrente è sinonimo di rinuncia. Originariamente, invece, era il momento in cui Dio incontrava il fedele per benedirlo (Es 20,24). Questo è il significato originario che aiuta a porre nella giusta luce il sacrificio per eccellenza della tradizione cristiana, ossia la morte di Cristo in croce. Cristo con la sua morte non placa l’ira di Dio provocata dai peccati dell’umanità, ma invece, associando l’umanità alla sua croce, insegna a trasformare la parte più disprezzata dell’esistenza, la sofferenza, in un sacrum. Sacrificio infatti deriva da sacrum facere, rendere sacro, divino. Ogni uomo può trasformare la sofferenza più incomprensibile, quella provocata dall’egoismo e dalla malvagità umana, in un’offerta sacrificale, che, quando vissuta in Cristo, porta alla resurrezione.