Maria Argerio, Algerina Neri

Bostoniani a Livorno: Il console Thomas Appleton e i suoi conterranei

la pubblicazione di questo volume vuole essere un punto fermo nella ricostruzione dei rapporti tra Italia e Stati Uniti in momenti rilevanti della loro storia. Il Consolato degli Stati Uniti di Livorno fu il primo a essere aperto in Italia nel 1794. I documenti del Consolato, che si trovano presso i National Archives and Records Administration di Washington (D.C.), sono stati esaminati e commentati nei vari capitoli che compongono il volume. E' emerso che la figura più importante del Consolato di Livorno è Thomas Appleton, il quale ricoprì la carica di console per ben quarantadue anni, dal 1798 al 1840. Il periodo storico preso in esame, tra fine Settecento e primi dell'Ottocento, fu particolarmente importante sia per la storia livornese, toscana e italiana sia per la nascente nazione americana. Attraverso il porto di Livorno si scambiavano non solo merci, ma sopratutto idee e cultura che contribuirono a intensificare i rapporti tra granducato e stati Uniti. La città divenne un punto privilegiato di osservazione, una finestra sul Mediterraneo, ma anche un luogo di attrazione che, con il suo faro, calamitava i viaggiatori in giro per il mondo.