Tullio Franzoni

Dispense di geometria

Il contenuto dell'opera segue fedelmente lo sviluppo delle lezioni del corso tenuto dall'autore presso la Facoltà d'Ingegneria. Il tentativo è quello di non anticipare mai la teoria ai modelli, per permettere allo studente di impadronirsi in modo efficace delle nozioni e dei risultati ottenuti. Conseguenza di questo fatto è che la parte algebrica e la parte geometrica non hanno trattazioni separate, ma sono collegate tra loro e vengono sviluppate di pari passo. Questo permette anche agli studenti, la cui preparazione matematica è essenziale ma non è il fine ultimo del corso di studi, di assimilare i concetti più "astratti", e quindi generalmente più ostici, della materia in modo "diluito" nel tempo e con le dovute applicazioni "pratiche" sviluppate immediatamente.  Naturalmente lo sviluppo sequenziale degli argomenti non è l'unico possibile: quello seguito è però quello che l'autore ritiene più confacente al proprio modo di presentare la materia e, forse anche più adatto alla mentalità "media" degli studenti. Si tenga presente che il corso in questione è un corso annuale "vecciho stile".