Sara D'Angelo, Paola Nicolini, Carlo Scheggia (a cura di)

Il Trovatore

Il Trovatore tratto dal libretto Il Trovatore di Salvadore Cammarano, Leone Emanuele Bardare raccontato da Francesca Gatto, Ilaria Mariani, Agnese Poggi, Jacopo Polinori, Desiree Raggiunti, Marco Recchia, Lorenzo Rischioni, Giorgia Socionovo, Ilenia Tisba comitato scientifico Paola Nicolini, Marcello La Matina, Luciano Messi, Francesco Micheli, Carlo Scheggia disegni dei bambini della scuola primaria Anna Frank di Villa Potenza, Sandro Pertini di Piediripa, Lorenzo Lotto di Recanati e Casa dei Bambini Montessori Via Pace di Macerata progetto grafico e impaginazione Riccardo Speca Il progetto è stato sviluppato nell'ambito del dottorato di ricerca in Human Sciences svolto da Sara D'Angelo, curriculum Psychology, Communìcation and Social Sciences, grazie al finanziamento di borsa EUREKA “Il vero protagonista della storia che leggerai tra queste righe è il fuoco. Anche se non è una persona, il fuoco accompagna tutte le scene importanti di questa storia, intitolata Il trovatore e fa luce su tutti gli intrecci che man mano si sveleranno. Chi è il Trovatore? Forse qualcuno che ha trovato qualcosa? In realtà no! Tanti anni fa il Trovatore era colui che, in preda alla passione, cantava versi d'amore alla sua amata, accompagnato dalla musica. Il nostro Trovatore si chiama Manrico ed è innamorato della bella Leonora. Il loro amore, forte e viscerale, è però ostacolato dal Conte Di Luna che cerca in tutti i modi di allontanare la bella dama dal suo amato. Sullo sfondo una zingara, un rogo e un fatale sbaglio. Questa storia è tratta dal dramma El Trovador di Antonio Garcia Gutiérrez ed è poi stata rielaborata con musica e canto dal noto compositore italiano Giuseppe Verdi, sotto forma di opera lirica. Questo libricino è stato pensato per i più piccoli, perché possano comprendere l'opera conoscendo la storia che racconta. È anche stato illustrato da bambini e bambine, proprio come te, che si sono divertiti a disegnare alcune scene e personaggi. Buon divertimento!" Introduzione