Federico Procchi

Plinio il Giovane e la difesa di C. Iulius Bassus

Tra norma e persuasione

Il volume ripercorre le complesse vicende processuali di C. Giulio Basso, proconsole della provincia di Bithynia processato per repetundae innanzi al senato romano nell’anno 103 d.C., così come tratteggiate da Plinio il Giovane (che ebbe un ruolo chiave nel collegio difensivo) in Epist. IV.9. Nei primi due capitoli, di carattere introduttivo e preparatorio, vengono messe in luce svariate questioni, tra cui la formazione oratoria di Plinio sulla base, in particolare, dell’insegnamento di Quintiliano, il suo tirocinio e la sua giovanile attività difensiva davanti al tribunale dei centumviri, prima di passare a patrocinare in senato i processi per repetundae, taluni tratti della sua ‘deontologia’ professionale, nonché le peculiarità stilistiche dell’arringa dibattimentale (actio) ed il loro rapporto con l’opera di retractatio in vista della pubblicazione del testo definitivo dell’oratio. Muovendo da questi presupposti, l’a. sviluppa, alla luce della dottrina retorica degli status causae, il proprio originale punto di vista nella ricostruzione della strategia difensiva concretamente adoperata da Plinio, che valse a conservare all’imputato la propria dignitas senatoriale.   Il catalogo digitale di PISA UNIVERSITY PRESS

Plinio il giovane e la difesa di C. Iulius Bassus. Tra norma e persuasione

Sulla Rivista INDEX, Quaderni camerti di studi romanistici (n. 42 2014)

Sulla Rivista INDEX, Quaderni camerti di studi romanistici (n. 42 2014) è stata pubblicata una recensione sul volume di Federico Procchi "Plinio il Giovane e la difesa di C. Iulius Bassus. Tra norma e persuasione".

Leggi un estratto dell'articolo

Vai al sito