Adriano Alessi

Sui sentieri del sacro

Introduzione alla filosofia della religione

Di fronte ai massimi interrogativi che attanagliano l’esistenza l’uomo reagisce con risposte teoretiche e atteggiamenti di vita profondamente differenti. Ciò si verifica in forma esemplare nei confronti di quell’intreccio di domande che circoscrivono il mondo, allo stesso tem­po oscuro e affascinante, della religione e del sacro. Oggi il contrasto sembra in parte attenuarsi poiché, accanto all’atteggiamento appassionato di chi sostiene o, all’opposto, denuncia i torti della «fede in Dio», si pone l’indifferenza crescente di chi ritiene la credenza religiosa una dimensione insignificante sul piano teoretico e ininfluente su quello pratico. Tale appannarsi del contrasto è, tuttavia, più fonte di preoccupazione che motivo di compiacimento poiché l’insensibilità odierna è maggiormente sintomo di «malattia mortale» che di progresso in umanità. Infatti, lo si voglia o no, gli interrogativi circa i destini dell’uomo permangono in tutta la loro gravità. E con essi persiste la domanda sul valore della fede religiosa e sulla funzione che ad essa spetta in ordine al conseguimento delle finalità ultime dell’uomo. La tesi del volume è che (lungi da atteggiamenti di tolleranza qualunquista e di contrapposizione altera) tutte le religioni hanno bisogno di salvezza. Allo stesso tempo, tutte rivelano valori. Da tutte si può imparare. Con tutte si può intraprendere un comune itinerario di con­ver­sione che, conducendo sui sentieri del sacro, apra l’umanità a nuovi ideali di comunione e fratellanza.